journal
/ News

A talk with: Philippe Nigro

Il lavoro di Philippe Nigro è caratterizzato dalla connessione tra ricerca sperimentale e analisi pragmatica del savoir-faire dei committenti con cui lavora. Dopo la presentazione del progetto speciale Archives, avvenuta lo scorso anno in occasione del Salone Internazionale del Mobile, il designer francese rinnova la collaborazione con Novamobili progettando un nuovo sistema di scaffale, modulare e flessibile nelle sue composizioni.

  • Cosa significa progettare per gli altri?

Progettare mobili e oggetti per gli altri, per me vuol dire disegnare gli stessi oggetti per me stesso. La quotidianità è fatta di gesti ripetuti, di abitudini, per questo credo che un progetto d'arredo possa stabilire con l'utente un rapporto d'affetto e di fiducia. Perché è questo affetto la vera garanzia di durabilità di un oggetto nel tempo.

Quale ruolo hanno gli oggetti in relazione allo spazio?

La funzionalità dello spazio è data dalla funzionalità degli oggetti stessi, dalla loro capacità di fondersi nell’ambiente e di adattarsi ai bisogni di riconfigurabilità, di scelta di materiali e finiture. Queste caratteristiche, la flessibilità, sono fondamentali per creare un rapporto tra utente e oggetto.

  • E in relazione allo spazio domestico?

Per me una casa piacevole è un luogo dove i diversi elementi creano un ambiente disinvolto e flessibile. Dove nuovi e vecchi oggetti, accumulati durante una vita, possono convivere in armonia, perché è nel contrasto e nella giustapposizione apparentemente improbabile che nasce la sorpresa e l'intimità tra l'uomo e il suo ambiente.

Per ulteriori informazioni:

(*) campi obbligatori

Top